Viaggiare significa incontrare non soltanto luoghi, ma anche persone, menti, cuori. E la scoperta non è mai banale, anzi ci riserva a volte inaspettate sorprese e dolci “coccolessi”.

La signora Neva – socia UNIPER e simpatica e dotata poetessa – mi ha dedicato durante l’ultima uscita alla Latteria Soligo una simpatica poesia che volentieri pubblico, ringraziandola di cuore per la gentilezza e l’affetto.

Grazie Neva, poetessa tra noi, non mollare: coltivare una passione è dare senso e sorriso alla vita. Grazie!

“Care amiche, cari amici,

mi no so voi altri,

ma mi quando deve partir

par ‘na gita sia longa che giornaliera,

ò paura de no sveiarme a matina

e de no ciapar a coriera.

Casa no me piaxe star,

me toca stirar, forbir e, tanto par cambiar,

me toca anca far da magnar

par tuti, penso, a gita el xe un momento bel, sano

se staca a spina dal quotidiano

se vede robe bee, se impara, se sta insieme e se ride tanto

e se torna casa… co’ diexe ani de manco.

Comunque, ‘sta uscita UNIPER a Farra de Soligo

a ‘sta storica e molto premiata Lateria

a xe stada ben preparada

con bravura e tanta simpatia, dall’UNIPER e

da a nostra professoressa Ferro Annamaria.

A scuoea, in un’ora soea, a nà contà tuto sui proprietari

a nà parlà dea staea, dee vache, del late e formagi vari

a nà descrito ben el prodoto caseario

e de tuto el giorno a nà spiegà l’itinerario.

A nà dat ‘na sferzada, ‘na bota salutare de patriotismo

disendo con disinvoltura e otimismo… cussì:

‘No serve andar far spese a Canicattì

o in capo al mondo

noi altri qua no ne manca gnente… in fondo… in fondo…

Se à laterie famose, storiche e premiate come questa de Soligo

se à coltivazioni de fruta e verdura

se à pastifici, alevamenti e altro ancora

se à vin de tuti i tipi

el proseco. el spumante da far invidia

sensa esser scortesi

parfin ai nostri cugini francesi’.

Cara professoressa Ferro el so messaggio, viva Dio, se o à capìo

in futuro compraremo da bravi italiani

sol prodoti a km zero e nostrani.

Nel pomeriggio xe esploso a beeza e a poesia 

con la visita a Follina al chiostro dell’Abazia.

Ma a ciliegina su a torta

a xe sta el pranso al ristorante Sansovino,

a Castelbrando, a Cison de Valmarino.

Sen entrai come semplici turisti

ma co ‘a fantasia se sà trasformà

in nobili castellani, con vestiti, gioielli e capèi mai visti.

Sentai su quel salone antico e ben arredà

che profumava de storia e nobiltà

no se parea pì noi stesse

ma vere regali principesse

i omeni i fea sempre inchini… come veri damerini.

‘Sta metamorfosi a mà tanto afascinà

e col celulare o fat ‘na fotografia

par vedar se a iera verità o ‘na buxia.

Fermi, pronti… tuti in posa…

con i vestiti blu e rosa…

i ventagli i fea un gran sventoeamento

ciack… tuto se a fermà in un momento…

In primo piano iera nea fotografia

a Franca, a Ada e a Maria… a iera ‘na busia”

NEVA PERISSINOTTO

9 gennaio 2016, Soligo-Follina-Cison di Valmarino